Tra i fantasmi dal 1860 a oggi da Guido Costa

Condividi:

Pubblicato da la stampa  il 17/02/2017

 

La scelta di quando proporla è stata ponderata e il titolo è stato preso in prestito da un celebre dipinto di Basquiat. Così «To Repel Ghosts» viene inaugurata in una data fatidica: venerdì 17 alle 17. Non poteva esserci un’opzione più calzante per la mostra che apre negli spazi della galleria in via Mazzini 24,in via Mazzini 24. Un allestimento particolare dedicato ai fantasmi, un viaggio tra fotografie, libri, dipinti e installazioni create intorno al tema dell’inspiegabile. «Sono molti anni – dice Guido Costa – che inseguo e colleziono fotografie di fantasmi e, a partire da tale nucleo, ho costruito l’intera mostra, che si propone come un articolato rendiconto di tale territorio, dalle sue origini tardo romantiche e ottocentesche, fino alla più stretta contemporaneità». Il percorso espositivo è organizzato in tre grandi insiemi, quello dedicato alla classicità, quello ispirato al postmoderno arrivando fino alla contemporaneità. Un’ avventura che dal 1860 approda ai giorni nostri, un itinerario legato insieme dal filo rosso dell’immagine, riprodotta, manipolata o ricostruita, enfatizzata con trucchi sofisticati o azzerata in una perenne dialettica tra vero, verosimile e falso. Nella sezione classica a farla da padrone è la scienza con il positivismo prima, per lasciare spazio poi a uno studio sempre meno sperimentale e più induttivo. Dalle origini misteriose della fotografia spiritica si passa quindi all’analisi del trucco e della prestidigitazione nell’operato dei medium fino allo spiritismo degli anni ’60. Non manca un’incursione nelle relazioni contemporanee tra spiritismo e arte. La mostra sarà visitabile fino al 21 aprile dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19; tel. 011/81.54.113.

 

Link articolo: http://www.lastampa.it/2017/02/17/torinosette/primapagina/segnalazioni/ttra-i-fantasmi-dal-a-oggi-da-guido-costa-POvhMOEkmbb0oFl29ony5O/pagina.html

Condividi: